Piada Trophy e classifica del Summer Circuit: il commento di Alberto Perdisa

IMG_2415

Trentotto equipaggi al via in questa ottava edizione del Piada Trophy, certamente tra le manifestazioni maggiormente apprezzate in Italia e all’estero grazie al livello della competizione e ai divertenti eventi collaterali.

Dopo sei edizioni disputate a Cervia e una, quella del 2012, disputata a Talamone, la regata è stata organizzata quest’anno dal circolo nautico Riccione e dallo Yacht Club Portoverde che hanno unito le loro forze per un “Piada” che ha confermato ed anzi superato le attese e che valeva per la ranking list italiana.Merito anche del campo di regata, uno dei migliori dell’Adriatico, che ha permesso la disputa di tutte le sette prove in programma con condizioni di vento da leggero a medio e una prova con il capriccioso “Garbino”, così si chiama in Romagna il Libeccio che soffia da terra.

Bordeggio difficile e mai scontato e spesso un’onda insidiosa hanno permesso ai migliori di mettersi in evidenza ed è la classifica a parlare chiaro.

Enrico Solerio e Sergio Simonetti sono da anni ai vertici della classe in Italia e in evidenza a livello internazionale. Con tre primi posti parziali hanno vinto la serie ma di un soffio perché Pietro Fantoni con a prua la campionessa statunitense Kathleen Tocke sono stati artefici di ottime regate e hanno concluso con il medesimo punteggio vincendo tuttavia una sola prova.

Al terzo posto la coppia italo belga composta da Manu Hens ed Enrico Michel, penalizzata da un Ocs e da varie auto penalità ma con due vittorie parziali.

Molto consistenti anche Paolo Lambertenghi e Dario Bruni, autore di un primo parziale, con nuovi e giovani prodieri e Fabio e Daniela Rochelli. A completare la top ten quattro equipaggi che hanno sempre regatato nelle prime posizioni. Alberto Schiaffino –Gianpietro Pasquon, i locali Beppe Prosperi –Marco Ceccarelli, Stefano Longhi –Francesca Ruggiero e infine i giovani juniores Michele Meotto –Tullio Nutta. Questi ultimi hanno davvero stupito per i progressi raggiunti grazie anche a coach Fantoni che ha messo loro a disposizione da un paio di anni non solo la sua esperienza ma anche la sua seconda barca e li ha seguiti sin qui. Dal decimo al ventesimo posto troviamo alcuni equipaggi che in qualche prova si sono inseriti tra i migliori. Tra questi vorrei citare il veterano Roberto Tozzi con a prua Marco Romani, grintosi come ragazzini e velocissimi. Poi Tom Stahl con a prua il figlio Jacopo e i giovanissimi statunitensi Jensen Mc Tighe –Brian Buckey.

Solerio –Simonetti si sono così aggiudicati il trofeo perpetuo del “Summer Circuit”, (qui la classiifica South Europe Summer Circuit 2014), messo in palio da Scira Italia, grazie anche alla vittoria al German di Caldonazzo e il trofeo Manlio Mignani dedicato al grande giudice di regata internazionale.

Gli eventi a terra sono stati memorabili come da tradizione “Piada”.

Il famoso “Piada Grand Prix” ha visto, ancora una volta, il dominio di Lollo Baldi che ha battuto in finale un velocissimo Manu Hens e un pilota dalla condotta folle di nome Stefano Longhi.  Bello il podio con spumante a fiumi e inno nazionale per il vincitore.

La cena del sabato sera ha visto un piccante intermezzo con due bellissime ballerine brasiliane che hanno allietato lo spirito dei regatanti con Pietrino Fantoni e Stefano Longhi ottimi sparring partners, qualcuno li ha filmati.

Poi lotteria con numerosi premi, vino della tenuta Palazzona di Maggio e buoni sconto per vele gentilmente offerti da Olimpic Sails. Infine ancora danze con Nina Berardi, Aimone Fabbri. Greg Saldana, Johnny Estrella, Manu Hens, Stefano e Alessandra Longhi tra i principali protagonisti.

Bella anche la premiazione  con ricchi premi per i primi dieci classificati e buffet finale.

Chiudo con i ringraziamenti. Noi romagnoli siamo conosciuti per simpatia e franchezza ma devo dire che spesso siamo anche molto efficienti. Difficile eguagliare un presidente di comitato di regata come Giuseppe Dimilta e una presidentessa di circolo come Lorena De Gennaro, ottimo anche il lavoro di Franco Pagliarani i giuria. E’ grazie a loro e a tutto lo staff del circolo nautico Riccione e del Real Yacht club di Portoverde che la manifestazione ha avuto questo grande successo.

Ora aspettiamo numerosi giovani velisti junior e under 30 al campionato nazionale juniores che si disputerà nelle medesime acque il 12—13 luglio, organizzato dal club nautico Cattolica.

Previsti eventi a terra all’altezza della fama romagnola.