Coppa Tamburini: il commento di Alberto Perdisa

xdecaDa Alberto Perdisa,  pubblichiamo il commento e la cronaca degli eventi.

“Coppa Tamburini: vincono Pantano –Fontana

La storica coppa Tamburini, valida per il campionato zonale della XI zona si è disputata in condizioni estive, con brezze leggere e sole.Otto barche al via a causa di alcune rinunce dell’ultima ora sia dalle flotte romagnole che da quella di Pescara e Chioggia il cui abbinamento con la regata di Rimini evidentemente non sta funzionando. Gli assenti hanno avuto torto ci siamo divertiti parecchio, a terra e in acqua.

Le regate sono state molto tecniche con un vento che, nonostante la classica rotazione a destra, ogni tanto tornava a sinistra, corrente e zone di pressione che non era facile leggere sull’acqua. Sei ma spesso anche otto barche hanno combattuto ravvicinate bordo a bordo ed era sufficiente un piccolo errore o una virata ritardata per perdere posizioni. In generale il livello della nostra Flotta, con queste arie leggere, è cresciuto molto e tutti hanno un buon passo.

Alla fine la vittoria ha premiato l’equipaggio più costante ed esperto con Marco Pantano al timone e il segretario Francesco Fontana a prua che hanno ottenuto due primi posti parziali e come peggiore risultato hanno scartato un quarto posto. Un atteso ritorno dopo un periodo dove sembrava che i due forti velisti avessero perso lo smalto.

Al secondo posto Giuseppe Prosperi e Marco Ceccarelli che ancora una volta non hanno concretizzato del tutto la loro capacità di leggere il campo di regata e la loro velocità in tutte le andature. La vittoria in tre prove è stata vanificata da una condotta aggressiva che li ha costretti a dover effettuare numerose penalità, peggio che una trottola !

Terzo posto e podio per Paolo Fuzzi e Stefano Muccioli. Finalmente il “comandante” di Riccione ha ottenuto il risultato che merita in queste condizioni. Straordinaria la velocità e l’angolo di bolina dei due romagnoli, quando li trovi due-tre lunghezze sottovento sai che il tuo destino è segnato. I due hanno lottato fino all’ultimo per la conquista del trofeo, per me qui a Rimini vincerebbero un ingaggio anche con Bethlem !

happyhour, by Johny Estrella

Photo courtesy of Johny Estrella

Quarto posto per Giovanni Stella e Nina Berardi. Johnny ha faticato a trovare la velocità giusta del suo Persson modificato ma ha chiuso l’ultima regata della serie con un bel secondo posto grazie anche all’affiatamento con la graziosa e simpaticissima Nina. Indispensabile il ruolo di “Estrella” a terra dove ha improvvisato, a ridosso del suo camper Westfalia, un happy hour offrendo a tutti birra gelata e spumante, al termine della calda giornata di sabato. Il tutto condito dalle solite battute e da divertenti sfottò a tutti.

Quinti Claudio Guadagni e Alessandro Amato, davvero molto veloci in queste condizioni di vento a autori di un secondo posto parziale.

Deludente sesto posto per i vincitori della precedente zonale di Portoverde, Alberto Perdisa e Marco Rinaldi che con aria sostenuta avevano dimostrato di essere molto veloci e regolari mentre a Rimini hanno lottato spesso assieme ai migliori ma senza mai brillare. In particolare al sabato sono apparsi molto lenti e con una barca poco a punto.

Settimo posto per Gianmarco Pepe e Marco Prosperi. Forse non tutti sanno che Gianmarco è un velista e un marinaio di grande esperienza che ha vinto numerose regate nelle classi Ior e poi Ims e navigato per tutto il Mediterraneo. I due hanno spesso regatato nel gruppo ma il loro peso eccessivo li ha certamente penalizzati.

Ottavi i nuovi entrati nella classe, Marco Cavallari e Matteo Rimondi. Li ho visti autori di buoni spunti e se la nostra capricciosa barchetta non li sfinirà, sono certo che sapranno costantemente migliorare e avranno le giuste soddisfazioni.

Bella la cerimonia di premiazione con il presidenze del sodalizio Riminese Pietro Palloni, gli ottimi componenti del comitato di regata presieduto da Raul Maggiolini a premiare i migliori.

Poi pasta buona e abbondante per tutti e dolci. ”