Comunicazioni del Segretario

Cari soci,
il prossimo fine settimana, con il Criterium di primavera a Sanremo, la stagione entrerà nel vivo. E’ quindi tempo di lasciare un po’ in disparte le questioni burocratiche e ricominciare a parlare di vela. Prima però desidero aggiornarvi su quanto fatto in questi mesi e ciò che si desidera fare nei prossimi:

1. Regole di selezione per campionati modiali ed europei. E’ ancora in atto una discussione tra gli equipaggi nelle posizioni di vertice della RL sul miglior metodo di selezione agli eventi internazionali. Come sapete alcuni ritengono ottimo l’attuale sistema basato sulla ranking list, mentre altri desiderano un sistema più snello. I nostri equipaggi più forti non sono ancora riusciti ad elaborare una proposta condivisa ma sono certo che con l’inizio delle regate e quindi con un maggior dialogo riescano nell’obiettivo che ho loro assegnato.
2. Statuto: come sapete il nostro statuto dovrà essere rivisto per correggere alcuni articoli. E’ un lavoro lungo e delicato perché lo statuto non si cambia tutti i giorni e le modifiche per essere approvate necessitano di un’ampia maggioranza. Con l’occasione cercheremo di ammodernarlo ed allinearlo il più possibile allo statuto internazionale che trovate tradotto su snipe.it. Allo stesso tempo cercheremo di fare nostri i principi democratici che hanno ispirato i recenti aggiornamenti statutari del CONI e della FIV. Non è facile ma credo che ci riusciremo. Sulla parte formale che è necessario modificare ho riscontrato la sostanziale unanimità dei capitani mentre sulla questione della riforma del voto delle flotte e del peso di dare a queste ci sono più contrasti. Mi sono anche confrontato con Giorgio Brezich, capo delle regole della SCIRA. La modifica statutaria dovrà essere avvallata dalla SCIRA internazionazionale ed è quindi inopportuno discutere ed eventualmente approvare delle modifiche che rischierebbero di essere respinte. Alcuni insistono sull’opportunità di introdurre una norma che leghi il voto del capitano al numero dei soci o delle barche della propria flotta, altri preferiscono mantenere il sistema attuale ma facendo proprie le norme dello statuto internazionale che prevede un minimo di 5 barche per ciascuna flotta dal 3° anno in poi (attualmente il minimo per lo statuto italiano è 3). Si sta anche discutendo del peso da assegnare alle flotte uniche in provincia che quindi possono scendere sotto il limite minimo. Difficile trovare ampio consenso per introdurre una una norma che premi, in termini di voto, le flotte più attive. Entro fine giugno cercherò di pubblicare sul sito una proposta di modifica statutaria, il più possibile condivisa dai vostri capitani, così che chi vorrà potrà fornire il proprio apporto. E’ mia intenzione convocare un’assemblea straordinaria (oltre che un’assemblea ordinaria) per approvare le modicfiche statutarie durante il campionato italiano.
3. Sito internet: Silvia Pederiva con la collaborazione tecnica di Alberto Schiaffino sta lavorando bene e mi arrivano continuamente apprezzamenti per quanto sta facendo; vi invito a mandarci commenti, foto e filmati da pubblicare.
4. Database dei soci e delle barche: grazie ad Antonio Bari ed Harry Levinson sono stati corretti alcuni errori presenti nel software del database della SCIRA internazionale. Attualmente il database internazionale è perfettamente allineato con quello nazionale e si riesce, finalmente, ad aggiornarlo con facilità.
5. Stazzatori: La prima e la seconda zona sono prive di stazzatori di flotta. Antonio Bari sabato prossimo (31 marzo) terrà un corso di formazione per Andrea Leonardi, ma potranno assistere anche altri.
6. Bilance: ritengo opportuno che le zone siano dotate di una bilancia per pesare le barche. Ho trovato in internet, grazie all’aiuto di Francesco Lubrano, un rivenditore di stadere. Gino Costantini e Giuliano Dematté mi hanno consigliato di acquistare stadere con portata massima di 200 kg, piuttosto che bilance elettroniche. Le stadere sono meno maneggevoli ma più affidabili (non hanno pile..etc). Nei prossimi giorni acquisterò 5 stadere al costo di 75€ ciascuna. Consegnerò poi le stadere ai delegati zonali.
7. Clinic: con la collaborazione dei circoli e di Enrico Michel (8 volte campione italiano) stiamo cercando di organizzare dei clinic il giorno precedente alle regate più importanti di inizio stagione. Enrico Michel, se ci saranno almeno 5  barche iscritte e massimo 10, terrà clinic di una gioranta il venerdì 25 maggio, prima della nazionale di Riccione, e giovedì 31 maggio prima del German Open a Caldonazzo. Sarà organizzato un clinic anche venerdì 15 giugno prima della nazionale di Bracciano ma non sarà tenuto da Enrico Michel. Chi desidera partecipare a queste giornate può contattarmi direttamente e versare sul conto della classe 40€ (20 € per gli juniores) a giornata per barca. Per assegnare i posti dipsonibili varrà il principio della tempestività: chi si iscrive prima, fino a raggiungere la quota delle 10 barche.
8. Calendario regate nazionali 2013. Con l’aiuto di Roberto Calliari abbiamo valutato le zone che l’anno prossimo porebbero ospitare campionato italiano e nazionali seguendo i criteri di rotazione e buon senso non scritti ma sempre applicati negli anni scorsi. Ho quindi chiesto alla 2^ zona (Toscana) di proporre una candidatura per il campionato italiano, mentre a Trieste e Pescara di candidarsi per le nazionali. La 14^ zona ha proposto, vista l’esperienza positiva dell’anno scorso, di candidare il German Open come regata nazionale. Ho chiesto anche alla 4^ zona di proporre una candidatura per una nazionale. Orta si è candidata al campionato italiano master. Una volta acquisite la candidature formali e le disponibilità dei vari circoli proporremo il calendario così da poterne discutere ed approvare all’assemblea ordinaria durante il campionato italiano un calendario il più possibile condiviso.
9. Barca della classe: Giuliano Demattè ha riparato gratuitamente il timone della barca della classe che risultava danneggiato.
10. Le velerie Olimpic, Zaoli e Murphy&Nye ci hanno donato un gioco di vele ciascuna, mentre la DBmarine ci ha donato del materiale di consumo. Il Banco Popolare dove ho aperto il conto corrente della SCIRA Italia ha accolto la richiesta che avevo presentato e ci ha concesso un contributo di 300€ che è già stato versato sul conto della classe.
Per il momento è tutto.
Ciao
Andrea Piazza