Le Vele di San Ruffino 2015, la classifica e qualche foto

L’articolo di Alberto Perdisa:

“Quinta edizione della regata nel lago sui monti Sibillini, senz’altro una delle manifestazioni più divertenti e riuscite per il nostro Snipe.

San Ruffino lago e vele in acqua anche FD e FJ abbinati assieme a noi, a sorteggio, ai comuni del comprensorio montano. Come sempre quindi classifica individuale per classe e classifica dei comuni.

Regate combattute, divertenti e mai scontate con un pubblico numeroso a tifare sulle rive del lago. I capricci del vento di questo specchio d’acqua, incorniciato da colline e alte montagne, sono proverbiali e rendono incerto l’esito fino all’ultimo. classifica s.ruffino 2015Eppure, guarda caso, i più forti, favoriti alla vigilia e vincitori delle precedenti quattro edizioni, hanno ancora una volta dominato la scena con quattro primi posti e un terzo che hanno scartato. Mi riferisco a Francesco Rossi e “Frenk” Filippini, veloci, capaci di leggere il vento meglio di tutti, perfetti in manovra dopo un lungo allenamento invernale in quel di Cervia. Grazie a loro e alle buone prestazioni dei compagni di squadra, il comune di Smerillo, che da tempo ha conferito la cittadinanza onoraria ai due bolognesi della flotta Romagna, ha vinto questa speciale classifica aggiudicandosi per la seconda volta il trofeo challenge, un riconoscimento molto ambito nella lotta campanilistica ma leale tra i vari comuni.

foto 3 il vincitoreSeconda posizione in classifica per Alberto Perdisa e Marco Rinaldi, in difficoltà al sabato per evidente torpore del timoniere, reduce da un lungo letargo invernale, ma in grado, domenica, di ottenere una vittoria parziale e un secondo posto. Stesso risultato per il comune rappresentato, quello di San Ruffino.

Al terzo posto la coppia Paolo Fuzzi –Stefano Muccioli autori di ottime prove domenica dopo un sabato da dimenticare. L’ammiraglio” di Riccione ha saputo mettere sulla sua scia equipaggi ben più allenati grazie alla sua grande esperienza, a un angolo di bolina micidiale e a manovre impeccabili firmate Stefano.

Buoni spunti anche da Gian Marco Pepe –Marco Prosperi e Claudio Guadagni –Alessandro Amato, sempre in lotta alla testa della flotta e in grado fino all’ultimo di salire sul podio mentre senz’altro inferiori alle attese le prestazioni di Giuseppe Prosperi –Marco Ceccarelli e del Segretario Francesco “Krantz” Fontana. Devo dire che anche il comitato di regata si è comportato egregiamente e che il gradito ritorno di Fabio Barrasso ha consentito di elaborare un sistema di punteggio, per quanto riguarda i comuni, complesso ma geniale.

Come si sa, le regate sono solo una delle componenti, senz’altro il cardine, di questa magica manifestazione che tuttavia è veramente unica per altri motivi.

Immaginate di passare un fine settimana, alloggio a parte, completamente gratuito per voi e per i vostri famigliari e amici in un posto splendido dove si mangia benissimo e dal quale si parte per rientrare a casa con ceste ricolme di prodotti tipici del territorio, olio, vino, salumi, pasta ecc.

foto 1Di questi tempi tanta generosità è rara ma certamente non casuale. E’ infatti grazie agli infaticabili organizzatori Stefano Castori e Anna Mariani che tutto un comprensorio fatto di sindaci e altri amministratori pubblici, imprenditori, soprattutto persone piene di
entusiasmo, ci accoglie ogni anno con un calore e una generosità straordinari. Interessante la visita di sabato al teatro settecentesco di Penna San Giovanni e memorabile la cena nel vicino agriturismo L’Antico Gusto”. Strepitoso il buffet sotto il tendone, attivo per tutti i due giorni di regata a tutte le ore e a disposizione non solo dei regatanti ma anche dei loro numerosi ospiti.

Insomma, anche quest’anno gli organizzatori si sono superati e sono riusciti a stupirci.

Penso che questa manifestazioni incarni perfettamente lo spirito della nostra Classe e che sarebbe auspicabile cha altri seguissero l’esempio delle “Vele di San Ruffino”, auspicabile ma difficile, forse impossibile.”