MUNDIAL RIO – Risultati finali

foto: courtesy Fred Hoffmann
foto: courtesy Fred Hoffmann

ui=2&ik=cffe90412f&view=att&th=13af5c4d0804125e&attid=0

Il Mondiale Snipe 2013 è finito col trionfo dei fortissimi  equipaggi brasiliani che hanno piazzato ben otto barche nei primi dieci posti!                Il podio vede sul gradino più alto Bruno Bethlem e Dante Bianchi, poi al secondo Mario C. Urban e Rafael Sapucaia ed al terzo Alexander Paradeda e Gabriel Kieling. Medaglia di legno per Alexander Tinocoe Matheus M. Goncalves! Male gli italiani, con Solerio-Simonetti  25esimi, Michel-Longhi 41esimi, Fantoni-Puig 48esimi, Bruni-Collotta 55esimi, Lambertenghi-Rinaldi 56esimi e Rossi-Filippini 61esimi. Qui la Classifica Finale:   Final Results

Alleghiamo anche un commento di Francesco Rossi:

Guardate, noi abbiamo solo da imparare, vento o non vento, partenze o non
partenze qui c’è chi è sempre sul pezzo e cinghia e le regate le finisce
bene e c’è invece chi come noi si arrabatta per sopravvivere
Quindi non ho nulla da contestare al comitato: c’è il vento e si fanno
regate!!
Di proteste in giuria l’altra sera ne hanno fatte mille, ma per quel che ci
riguarda non c’è ragione per lamentarci, dovremmo piuttosto allenarci!!!!

Aggiornamento classifica all’ottava  prova….a seguire prossimi commenti! Race 1-8b dopo le proteste

Lambertengh e successivo di Rossi (in rosso of course):  

Anche oggi vento forte, raffiche power e salti di 25 gradi. Scorrettezze a go go negli incroci, giri di boa con 7-8 barche affiancate. In una prova sono partiti in 15, gli altri si sono infilati durante la bolina. Nessuno ha controllato e sono stati messi in classifica. Tinoco ha protestato. Vedremo cosa succederà.     Race 1-5

Ieri mattina usciamo con raffiche 25-30 nodi, fotocopia del giorno precedente in cui non si era corso. Come il giorno precedente la flotta si rifugia sottovento
all’accademia naval, un grosso edificio su una punta a mezzo miglio da
dove si era posizionato il comitato.  Il comitato decide che le raffiche sono si ben oltre il limite ma non per enne minuti consecutivi (e soprattutto ha bisogno di portare a
casa delle prove) e da la partenza con 15 barche sulla linea
fottendosene della flotta distante al riparo Durante la regata numerosi bastards si sono infilati nel mucchio ed hanno tagliato il traguardo come se niente fosse, non ci sono stati
controlli ai giri di boa. Per quel che riguarda noi italians l’unico partito è stato Solerio,
che ha notato movimenti in comitato ed è arrivato sulla linea a 18″
dallo sparo, poi Bruni credo che è riuscito entro i pochi minuti
successivi a passare dal via, tutti gli altri fuori e ovviamente
nessuno di noi si è infilato nel mucchio (sarebbe stato agevole perché
la flotta puntava di bolina proprio in direzione dell’Accademia, c’è
chi si è infilato (SPA) addirittura al secondo giro!!!! Anyway, seconda prova ok, terza prova con vento un po’ in calo è stata sospesa per un saltone a destra di 90° nella seconda bolina. Ieri sera protestoni a nastro sia di chi voleva chiedere riparazione e
farsi reintegrare, sia di chi ha chiesto l’annullamento, sia di chi ha
denunciato i furbi, ecc insomma un bel casino.   Solerio 13 sta andando bene, Pietrino pure, tutti gli altri molto molto indietro

Classifica della quarta prova: vento forte (10m/sec); si difende bene Solerio, Bruni recupera un po’ di posizioni, gli altri tutti DNF.   Race 1-4

Questa è la  classifica dopo le prime tre prove…con alcuni commenti flash!  Race 1-3

Ecco gli ultimi flash di Francesco Rossi:                                               Oggi nessuna regata, vento oltre il limite, flotta rifugiata per 2-3 ore sottovento all’aeroporto e poi tutti a casa. Noi abbiamo piegato l’albero in un rafficone infernale poi un manipolo di sudamericani ha raddrizzato tutto e domani si va

Primo giorno 3 prove 12 – 15 nodi da sud, pioggia, shifty, Solerio 16° dopo 3 prove. Tutti gli altri molto dietro.
A noi è esplosa una piombatura della ghinda fiocco nella 1 prova, rientrati, riparato e chiusa terza prova secondi degli italiani dietro ad Enrico
I brasiliani sono nelle prime 4 posizioni, fortissimi
Condizioni molto particolari con vento che salta di direzione e intensità e forte corrente, partenze e giri di boa apocalittici!
Speriamo smetta di piovere…
FrancescoRossi

Flash da Paolino Lambertenghi:
“Più che altro è una giungla. Come sempre è determinante partire liberi. Ci si spinge come sugli autoscontri.  Il gruppo è sempre compatto. Alle boe ci si scanna, se finisci esterno perdi 100-150 metri da chi è interno.”
____________________