Impressioni Spadoni

Spadoni – Percic

Al recente campionato italiano era presente, con la barca della classe, Alessio Spadoni, uno dei migliori laseristi italiani in equipaggio con Lorenzo Percic. Nella prima prova erano davanti ma si sono un po’ persi coi salti dell’ultima bolina. Nella seconda prova con aria volavano di bolina, una specie di 470. Prove centrali nel gruppo e bel finale. Questi ragazzi, oltre all’altro forte laserista Carlo De Paoli, sul beccaccino di famiglia col padre – bell’equipaggio – si sono distinti per educazione, correttezza e umiltà, doti che ne evidenziano la stoffa. Complimenti a tutti.
as-

Scrive Spadoni della sua esperienza: <<credo che lo snipe italia sia una gran bella classe organizzata molto bene dove prima di tutto si vede e si sente il grande rispetto e la sportivita’ degli atleti sia a terra che in mare.

L’organizzazione del circolo vela Arco ci ha fatti stare bene anche se le condizioni metereologiche non ci hanno aiutato rendendo il Garda un posto imprevedibile a differenza di tutto il  resto dell anno. Sono stato colpito dalla “tecnicita’” della barca, che a prima vista potrebbe sembrare semplice, ma nasconde tanti segreti tecnici. Per un laserista come me e’ importante a volte tornare a contatto con le regolazioni delle barche classiche perche’ puo’ darmi quel qualcosa in piu’ rispetto ai miei soliti avversari. Inoltre credo che per andare forte la condizione atletica nello snipe sia importante: con aria se non si cinghia a tutta non si puo’ fare troppo bene e questo, secondo me, e’ molto bello perche’ c e’ un aspetto in piu’ da curare. Inoltre gli angoli, le simmetrie e la velocita’ della barca la rendono una deriva estremamente tattica, gran cosa per poter diventare un bravo regatante.

Alessio>>