Storie del Circolo Nautico Chioggia

Corrado Perini da Chioggia, tradizionale culla dello snipe italico, segnala un bellissimo lavoro, tuttora in corso, di raccolta di materiale relativo agli storici trofei ivi organizzati.
Seguite questo link al sito del CNC. Merita di essere esplorato con attenzione; troverete articoli, classifiche, bandi e foto del passato.

CAMPIONATO ADRIATICO SNIPE E TROFEO MARIO BALLARIN

Il  Circolo Nautico Chioggia, nato nel 1949, organizza la prima edizione di quella  che diverrà la più classica fra le classiche delle sue regate, nel 1952: il Campionato dell’Adriatico per  la Classe Snipe. La prima edizione, organizzata ancora come Clodia Yacht Club,  si svolgeva in due giorni, 26/27 luglio, il primo giorno regatavano solo gli  snipe, il secondo giorno si aggiungevano le Star, le U e le S; la somma delle 3  prove in programma per gli Snipe dava la classifica del Campionato  dell’Adriatico che veniva premiato con la Coppa  Ente Provinciale per il Turismo. La regata fu vinta dall’equipaggio  chioggiotto formato da Mario e  Piergiorgio Ballarin sull’imbarcazione Kriss,  ma bisognerà attendere il 1973 perché venga vinta ancora da un equipaggio locale (Zoppi – Baruffaldi su Cica);  nel frattempo la regata era diventata una vera classica non solo per il CNC ma  per tutta la Classe Snipe coinvolgendo anche equipaggi internazionali dalla  Yugoslavia e dalla Svizzera, per gli italiani era diventata una regata importantissima,  la vera alternativa al Campionato Italiano, anzi la vera occasione di rivincita  per chi aveva perso il titolo nazionale.         Il  Campionato non fu disputato nel 1956 e  nel 1959, 1960, 1961.

Nel 1957 iscrive per la prima volta il  proprio nome nell’albo d’oro della manifestazione il triestino Giorgio Brezich che vinse la 5^  edizione con il prodiere Ostoich e  l’imbarcazione Barbanera; Brezich  sarà il timoniere più vincente nella storia del trofeo avendone vinto 10  edizioni, l’ultima nel 2008 con Francesca Cappello su Lille Forever         Nel 1964 la 9^ edizione del Campionato  Adriatico fu vinta per la prima volta da un equipaggio straniero, Grego – Nicolich sull’imbarcazione Gama in rappresentanza dell’allora Yugoslavia.         Nel 1965 per onorare la memoria di Mario Ballarin venne messo in palio il  Trofeo girante perpetuo che ancora oggi viene assegnato alla Società cui  appartiene il concorrente vincitore del Campionato Adriatico Snipe. Il primo  nome a comparire sul trofeo fu quello degli svizzeri Zenger – Bianchi con  l’imbarcazione Patrizia 3° in  rappresentanza dello Yacht Club Ascona,  timoniere che con il prodiere Mazzoni si ripeterà nel 1966 e nel 1968.         Le  edizioni dei primi anni ’70 furono contraddistinte dal combattuto confronto fra  i migliori equipaggi italiani e i forti equipaggi yugoslavi, nel 1969 e nel 1970 primeggiarono gli slavi Ivancic  – Sirola su due diverse imbarcazioni, A.  Paulovich e il glorioso Mario Righi,  poi prevalsero gli italiani fino al 1975,  anno dell’ultima vittoria yugoslava con Cenic  – Nalis su Jasmina.        La  seconda metà degli anni ’70 fu invece teatro di epiche edizioni che  contrapposero i fortissimi equipaggi del Golfo di Trieste (Brezich, Morin,  D’Isiot) ai nuovi forti timonieri del Lago di Caldaro, Ennio Casciaro che  tuttavia non riuscì a vincere alcuna edizione e Giorgio Longo che, invece, con il suo 28 Settembre vinse le edizioni del 1977, 1979, 1980.         Nel 1982, in occasione del Campionato  Europeo di Trieste, scese a Chioggia per il Campionato Adriatico l’equipaggio  norvegese Hartmann – Standal che con  la loro imbarcazione Flik Flak vinse  la 27^ edizione della regata, il trofeo però non fu assegnato perché fu  disputata una sola prova.         Gli  anni ’80 segnarono il ritorno degli equipaggi locali ai vertici delle  classifiche e in lotta con gli immancabili equipaggi triestini e l’astro  nascente dello Snipe italiano il trentino Giuliano  De Mattè che con il suo Dedo e  un equipaggio familiare vinse le edizioni del 1984 e 1985 (per poi  ripetersi nell’edizione del 2000).  Inframmezzate dalle immancabili vittorie di Giorgio Brezich le vittorie del  decennio andarono nel 1986 ai locali Ezio Donaggio con Denis Sfriso (i  mitici Lim Piao e 5 Lire) in una edizione in cui non fu assegnato il trofeo per  la disputa di una sola prova a causa di avverse condizioni meteo; Sfriso vincerà anche l’edizione del 1988 a prua del triestino Anzelotti, prima della doppietta 1989 – 1990 di Luca Marangon con Silvio Sambo, giovane equipaggio emergente del  CNC.         Nel 1991 la sesta vittoria di Giorgio Brezich vede la compartecipazione  del prodiere chioggiotto Michele Bellemo, ma nel 1992 è ancora Luca Marangon, questa volta con Andrea Gebbin, a mettere tutti in riga  per la sesta vittoria di un equipaggio CNC.         Nel 1993 il regolamento non sarà capace  di risolvere la parità tra Michel –  Turazza della SVOC di Monfalcone e il “solito” Giorgio Brezich in coppia con l’ex rivale Sergio Michel, poi gli anni ’90 lasceranno spazio a numerosi  equipaggi di iscrivere il proprio nome sul trofeo, i trentini Bernardis – Pontalti nel 1996, i  bassanesi Bressan – Cassani nel 1997, la triestina Francesca Cappello con Rinaudo nel 1999.         Nei  primi anni 2000 prevalgono più volte equipaggi locali, Rodati – Lamonarca nel 2001, Perini Corrado e Daniela Berto nel 2003 e 2006 (poco vento e una sola prova quindi trofeo non assegnato) inframmezzati da  vittorie triestine, Longhi – Caselli nel  2002 e Tomsic – Mocilnik nel 2004 e monfalconesi, Enrico Michel e Sandra Papa nel 2005.         Nel 2005 il CNC e il mondo della vela  piange la scomparsa di Enzo Perini,  una vita dedicata alla vela e in particolar modo allo Snipe; Segretario  Nazionale della Classe dal 1973 al 1987 e al termine del mandato Segretario per  il Sud Europa. Dal 2005 e per gli anni a seguire il Campionato Adriatico  onorerà la memoria di Enzo con il Memorial  Enzo Perini a premiare i vincitori di giornata di ogni singola prova  disputata.         Nel 2007, reduci dal Piada Trophy di  Cervia, calano a Chioggia i belgi Van  Cauwenbergh – Deferm con il loro snipe rosa e dopo 5 bellissime prove  riportano il trofeo all’estero; l’anno dopo ci onoreranno ancora della loro  presenza a difendere il titolo, ma dovranno arrendersi per l’ultima vittoria di  Giorgio Brezich.         Nel 2009 è la volta dei fortissimi  triestini Fabio e Marco Rochelli, prima  delle ultime vittorie chioggiotte di Marangon – Rossetti nel 2010 e Perini Corrado e Daniela Berto nel 2011.